fbpx
Tag: rimuovere macchie

Tag: rimuovere macchie

Come togliere le macchie di erba?

Come togliere le macchie di erba dai vestiti dei tuoi bimbi?

Sono Alessandro Carra, titolare dell’Impresa di pulizie Carra di Milano. La mia azienda di pulizie, aperta da quasi 50 anni, offre servizi professionali di pulizie a privati ed aziende. I nostri servizi si distinguono per la nostra elevata qualità e ad esempio riguardano servizi di pulizie condomini, appartamenti, uffici, vetrate, e servizi collaterali come rotazione sacchi, sostituzione portierato, sgomberi solai o soffitte o addirittura imbiancatura.
Chi di voi mamma si è mai chiesta come togliere le macchie di erba dai vestiti dei propri bambini? Le macchie d’erba sono le macchie più ostinate e difficili da rimuovere dalle mamme che durante questa bella stagione lasciano i loro bambini giocare all’aria aperta.

Togliere le macchie d’erba ancora fresche

Per prima cosa è importante agire tempestivamente sulle macchie d’erba: quando la macchia di erba è ancora fresca potete mettere il capo in ammollo in acqua tiepida o nel latte freddo. In questo modo rimuovere le macchie d’erba ed eventuali tracce o aloni senza bisogno di stregare sarà molto facile. Questa regola vale per tutti i tessuti, soprattutto cotone e lino.

Non utilizzate acqua calda: sulle macchie d’erba non è l’ideale in quanto tende a fissarle sul tessuto.

Se vi trovate fuori casa utilizzate subito dell’acqua fredda così da eliminare i primi residui. Su jeans e materiali resistenti potete usare anche dell’acqua frizzante che favorirà il distacco dello sporco dalle fibre.

In caso di macchie di erba fresche possiamo utilizzare il sapone di Marsiglia, molto utile nella fase di prelavaggio: applica una miscela di sapone di Marsiglia e acqua sulla macchia e lascia agire per tutta la notte. Al mattino elimina i residui di sapone sciacquando il capo in acqua fredda e proseguendo poi con il lavaggio in lavatrice. Un altro metodo utilizzato in caso di macchie fresche è anche l’acqua ossigenata in quanto sarebbe in grado di facilitare il distacco dello sporco dai tessuti. È un metodo da utilizzare però su tessuti resistenti o facendo prima una prova su una piccola parte, prima di procedere con l’applicazione.

Togliere le macchie d’erba ormai secche

Se la macchia d’erba è secca bisogna pre-trattare strofinando delicatamente la macchia con alcuni rimedi naturali. Vediamone alcuni.

Succo di limone:

Taglia un limone a metà e sfregalo energicamente sulla zona interessata. Sciacqua in acqua tiepida nella fase finale.

Uovo e glicerina

Strofina sulla macchia una miscela composto per metà da albume d’uovo e metà glicerina, lascia agire alcuni minuti e sciacqua con il latte freddo per eliminare i residui di erba ma anche di uovo. Infine procedi con il normale lavaggio in lavatrice.

Aceto per i tessuti resistenti

È un metodo adatto ai tessuti non troppo delicati ma è molto adatto a tutti i tipi di cotone. Il consiglio è quello però di fare sempre una piccola prova per valutare la resistenza del colore. Tampona la macchia con l’aceto e lascia i vestiti in ammollo per una notte. Al mattino risciacqua in acqua fredda e poi prosegui con il normale lavaggio.

Alcol o lacca per capelli per eliminare l’alone verde dell’erba

L’alcol riesce ad eliminare in modo efficace l’alone verde lasciato dall’erba sui vestiti: applica un po’ sulla zona da trattare con una spugnetta e tampona. Fai sempre una prova su una piccola parte di tessuto prima di procedere. Evita di strofinare, altrimenti la macchia potrebbe espandersi. Sciacqua in acqua fredda e poi crea una miscela cremosa con un po’ di detersivo liquido per il bucato e acqua: applica con movimenti circolari e lascia agire per alcuni minuti prima di procedere con il consueto lavaggio. Se la macchia è poco estesa puoi utilizzare la lacca per capelli: contiene alcol e ha un effetto simile al metodo precedente. Puoi utilizzarla come smacchiatore: spruzzala sulla macchia, fai asciugare e poi eliminane i residui con una spazzola, utilizza poi il detersivo liquido e lava in lavatrice.

Acqua e ammoniaca per tessuti delicati

Per i tessuti delicati come lana e seta puoi utilizzare un rimedio specifico e meno aggressivo: versa in una bacinella tre parti di acqua tiepida, due parti di alcol e una parte di ammoniaca. Metti il capo in acqua e strofina leggermente, lascia in ammollo per circa mezz’ora e poi sciacqua in una soluzione di acqua e aceto. Procedi poi con il normale lavaggio.togliere le macchie di erba dai tessuti impresa di pulizie carra milano

Come eliminare le macchie dai jeans?

Oltre ai metodi descritti, da provare anche su questo tessuto, puoi utilizzare anche altre miscele ancora più efficaci. Ecco quali:

una soluzione a base di ammoniaca e tre parti d’acqua. Lascia in ammollo per alcune ore e poi applica dello sgrassatore da cucina strofinando con una spugnetta. Infine risciacqua e lava il capo.

Alcol e latte sono altri due metodi da utilizzare insieme per eliminare le macchie d’erba da pantaloni e jeans. Prima applica l’alcol con una spugnetta e poi fate lo stesso utilizzando però del latte freddo. Infine sciacqua e procedi con il lavaggio.
Infine, se la macchia è molto secca, utilizzate una miscela di limone e bicarbonato in questo modo potrete creare un efficace pre-trattante prima di passare al lavaggio vero e proprio. I tuoi jeans saranno perfettamente smacchiati.

Se questo articolo ti è stato utile condividi con noi le tue idee, suggerimenti ed esperienze e continua a seguire il nostro blog, nuovi consigli verranno presto pubblicati.

Alessandro Carra

Impresa di pulizie Carra

Il bicarbonato di sodio: 10 usi per le pulizie di casa

10 usi per le pulizie di casa del bicarbonato di sodio

Sono Alessandro Carra, titolare dell’Impresa di pulizie Carra di Milano. La mia azienda di pulizie, aperta da quasi 50 anni, offre servizi professionali di pulizie a privati ed aziende. I nostri servizi si distinguono per la nostra elevata qualità e ad esempio riguardano servizi di pulizie condomini, appartamenti, uffici, vetrate, e servizi collaterali come rotazione sacchi, sostituzione portierato, sgomberi solai o soffitte o addirittura imbiancatura.
Il bicarbonato di sodio può essere un utile alleato per le tue pulizie di casa. E’ un prodotto dalle proprietà igienizzanti ed anti-batteriche e proprio per la sua versatilità si presta a numerosi utilizzi per le pulizie domestiche.  Scopri con noi i vari usi del bicarbonato di sodio per le pulizie di casa.

1. Il bicarbonato di sodio per togliere cattivi odori

In una ciotola aperta versa circa 150 g di bicarbonato e riponila all’interno di scarpiere, armadi, frigoriferi, etc, …tutti quegli ambienti chiusi dove ristagnano cattivi odori. Il bicarbonato infatti è in grado di assorbire e neutralizzare tali cattivi odori ed eventuali muffe ed umidità. Negli armadi se aggiungi qualche goccia di olio essenziale di profumo questo rimedio fungerà anche da deodorante.

Bisogna cambiare il bicarbonato delle vaschette almeno una volta al mese, ma non gettalo via, buttalo negli scarichi, servirà per evitare la formazione di cattivi odori e prevenire il calcare.

Per lettiere di gatti, uccelli, o piccoli roditori o secchi dei rifiuti spargete un po’ di bicarbonato sul fondo.

2. Il bicarbonato di sodio per pulire il forno

Per creare in pochi minuti un detersivo naturale per il forno è sufficiente 1 tazza di sale, 1 di bicarbonato ed 1 di acqua da mescolare. Con un panno stendi il composto sulla superficie interna del forno e lascialo agire per 1 ora circa. Potresti scrostare i residui di cibo rimasti attaccati alle pareti. Ripulisci il tutto con una spugna umida.

3. Il bicarbonato di sodio per pulire l’argenteria

Cospargi la tua argenteria con una pasta costituita da 3 parti di bicarbonato ed 1 d’acqua. Strofinala sugli oggetti delicatamente utilizzando un panno umido. Risciacqua con acqua tiepida ed asciuga per bene. Questa pasta renderà le vostre posate, ed altri metalli o materiali da pulire molto brillanti.

4. Il bicarbonato di sodio per pulire i pavimenti

Potete sostituire i detergenti per i pavimenti con una soluzione di acqua calda ed un bicchiere di bicarbonato di sodio.

5. Il bicarbonato di sodio per pulire i tappeti, tende, divani e materassi

Cospargi tappeti, tende, divani e materassi di bicarbonato e lascia agire per 2 ore circa, il tempo necessario per neutralizzare gli acari. Infine rimuovi con l’aspirapolvere. Questo procedimento, di utilizzo del bicarbonato a secco,  ravviva i colori ed impedisce lo sviluppo di parassiti. Ripeti periodicamente, anche 1 volta a settimana in caso di allergie.

6. Il bicarbonato di sodio per il bucato in lavatrice

Nella vaschetta destinata al detersivo liquido aggiungi 1 cucchiaio di bicarbonato, nemico degli odori ed anti-calcare per la lavatrice. Può essere utilizzato anche come pretattante per le macchie sui tessuti: versate il bicarbonato sulla macchia, lasciate agire e dopo 10 minuti strofina con una spazzola umida. Lava poi in lavatrice.

7. Il bicarbonato di sodio per la pulizia del bagno

impresa di pulizie carra milano bicarbonato di sodio usi per le pulizie di casa

Per far brillare sanitari, piastrelle, lavelli e vasche da bagno, cospargi le superfici con un po’ di bicarbonato e strofina con un panno o una spugna umida. Per una maggior efficacia nella pulizia del vostro bagno se aggiungi del sale fino si formerà una crema abrasiva che servirà per disincrostare le superfici.

8. Il bicarbonato di sodio per allontanare le formiche

Il bicarbonato serve anche per allontanare formiche o altri insetti dalle nostre case. Spargi la polvere di bicarbonato sulle fessure da cui arrivano gli animaletti.

9. Il bicarbonato di sodio per pulire i piatti

Per agevolare la rimozione di macchie e di unto aggiungete un cucchiaio di bicarbonato all’acqua per l’ammollo di piatti e pentole, questo consente di potenziare l’effetto detergente.
Il bicarbonato può essere usato anche per la tua lavastoviglie, per ripulirla e deodorarla. Per evitare la formazione di odori cospargi il fondo della lavastoviglie con del bicarbonato prima di ogni lavaggio.

10. Il bicarbonato di sodio per tubature e scarichi

Versa mezzo bicchiere di bicarbonato in scarichi o tubature per eliminare i cattivi odori ed impedire che si riformino, e fai scorrere l’acqua. Da ripetere una volta ogni dieci giorni.

Questi sono solo alcuni degli usi del bicarbonato di sodio per le pulizie di casa. Spero di averti dato alcuni consigli ed idee per poterlo utilizzare. E’ un prodotto naturale e spero che come noi tu stiate sempre più attenti all’ambiente.

Continua a seguire il nostro blog, nuovi consigli verranno presto pubblicati.

Buona giornata!

Alessandro Carra

Impresa di pulizie Carra

Come togliere le macchie di vino rosso

Consigli per togliere le macchie di vino rosso dai tessuti

Sono Alessandro Carra, titolare dell’Impresa di pulizie Carra di Milano. La mia azienda di pulizie, aperta da quasi 50 anni, offre servizi professionali di pulizie a privati ed aziende. I nostri servizi si distinguono per la nostra elevata qualità e ad esempio riguardano servizi di pulizie condomini, appartamenti, uffici, vetrate, e servizi collaterali come rotazione sacchi, sostituzione portierato, sgomberi solai o soffitte o addirittura imbiancatura.

Questo articolo vuole darti alcuni consigli ed alternative per aiutarti a togliere le macchie di vino rosso dai tessuti. Fai molto attenzione all’acqua bollente o molto calda. Non usarla mai, perché potrebbe fissare le macchie in profondità, in modo irrimediabile.

Togliere macchie di vino rosso con acqua frizzante

Quando si è fuori casa l’acqua frizzante è una soluzione di emergenza. Se ti sei macchiato la camicia con il vino rosso a cena in un ristorante prova a versare sulla macchia qualche goccia di acqua frizzante. Strofina e vedrai che la macchia si attenuerà subito. Quando sarai a casa lavate il capo normalmente in lavatrice.

Rimuovere le macchie di vino rosso con sapone di marsiglia

Un altro rimedio per rimuovere le macchie di vino rosso è strofinare la macchia (secca o fresca) con un panetto di sapone di Marsiglia inumidito prima di lavare il capo in lavatrice.

Sale grosso

Il sale è un rimedio naturale utile per assorbire le macchie di vino, soprattutto se si sono appena formate sulla tovaglia. Puoi intervenire subito applicando del sale grosso. Lascia agire per favorire l’eliminazione e l’assorbimento della macchia almeno per 30/40 minuti prima di passare al lavaggio.

Rimuovere le macchie con percarbonato di sodio

Il percarbonato di sodio è uno sbiancante naturale all’ossigeno attivo. E’ molto efficace se usato come pre-trattante per rimuovere le macchie di vino rosso sulle tovaglie bianche o una camicia dal tessuto resistente. Metti il tessuto macchiato in ammollo con acqua e percarbonato seguendo le indicazioni riportate sulla confezione, per determinare la quantità esatta di percarbonato di sodio da utilizzare, a seconda della tipologia dei tessuti, della temperatura e della quantità dell’acqua.togliere le macchie di vino rosso dai tessuti impresa di pulizie carra milano

Alcool ed aceto bianco

Se devi rimuovere le macchie di vino rosso da tessuti delicati, questi vanno imbevuti prima prima con dell’alcool denaturato e bagnali poi con l’aceto bianco. Procedi quindi lavando i capi come d’abitudine in lavatrice.

Rimuovi le macchiecon succo di limone

Tra i rimedi della nonna troviamo il succo di limone, adatto sia sulle macchie fresche che per quelle più vecchie. Fai cadere del succo di limone sulla macchia insieme a qualche goccia di sapone liquido e lascia agire per alcuni minuti. Procedi poi con il consueto lavaggio.

Utilizza il dentifricio

In mancanza d’altro puoi ricorrere anche al dentifricio per pre-trattare le macchie di vino rosso dai tessuti resistenti quando si saranno già asciugate. Applicalo sulle macchie asciutte e lascialo agire il più possibile prima di passare al normale lavaggio (almeno 1 ora). Non applicare dentifricio sui tessuti più delicati e fai attenzione ai dentifrici sbiancanti, che potrebbero avere un effetto candeggiante sui tessuti.

Rimuovere le macchie di vino rosso con latte

Anche il latte  può risultare un rimedio efficace per rimuovere le macchie di vino. Asciuga il vino in eccesso con la carta assorbente. Versa un po’ di latte direttamente sulla macchia. Nel giro di circa un’ora la macchia dovrebbe essere quasi completamente scomparsa.

Vino bianco e bicarbonato

Versate un po’ di vino bianco sulla macchia, dopodiché ricopri con del bicarbonato di sodio. Fai riposare per un paio di ore, facendo attenzione a mantenere il bicarbonato sempre umido con un po’ d’acqua. Togli il bicarbonato in eccesso e lava.

Amido di mais e bicarbonato

Infine sulle macchie di vino fresche l’amido di mais aiuta ad assorbire il vino in eccesso e la macchia stessa. Lo utilizzerai in sostituzione del normale borotalco. Il bicarbonato di sodio aiuta a smacchiare i tessuti. Mescolali in parti uguali a seconda delle dimensioni della macchia di vino e applicali su di essa in uno strato abbastanza spesso. Lasciat agire almeno per mezzora prima di passare al lavaggio.

Se questo articolo ti è stato utile condividi con noi le tue idee, suggerimenti ed esperienze e continua a seguire il nostro blog, nuovi consigli verranno presto pubblicati. Nell’attesa trovi altri consigli su come togliere le macchie, in particolare le macchie di erba.

Alessandro Carra

Impresa di pulizie Carra

Come pulire le macchie di caffé

Consigli per come pulire le macchie di caffè dai tessuti

Sono Alessandro Carra, titolare dell'Impresa di pulizie Carra di Milano. La mia azienda di pulizie, aperta da quasi 50 anni, offre servizi professionali di pulizie a privati ed aziende. I nostri servizi si distinguono per la nostra elevata qualità e ad esempio riguardano servizi di pulizie condomini, appartamenti, uffici, vetrate, e servizi collaterali come rotazione sacchi, sostituzione portierato, sgomberi solai o soffitte o addirittura imbiancatura.
Ho scritto questo articolo per aiutarti fornendoti alcune soluzioni per pulire le macchie di caffè dai tessuti, come alternativa alla solita candeggina.

Pulire le macchie di caffè con l'aceto di mele ed acqua distillata

La prima alternativa per pulire le macchie di caffè che ti suggerisco è usare aceto di mele con il quale puoi preparare uno smacchiatore fatto in casa. In uno spruzzino versa: 1 parte di aceto e 3 parti di acqua distillata. Agita la soluzione e spruzza sulla macchia, lasciando agire per almeno 10 minuti. A questo punto strofina con le mani fino a che l’alone non sarà scomparso. Procedi poi con un normale lavaggio.

Pulisci le macchie con acqua

  • Se il tessuto è un capo di cotone e la macchia è fresca, prova a pulirla immediatamente con dell'acqua minerale. In alternativa, metti il capo in una bacinella con dell'acqua bollente. Se, invece, ti sei accorto della macchia solo dopo che si è seccata, non ti resta altro da fare che rimuoverla con della glicerina. Intervieni, poi, con alcool ed ammoniaca. Ad eliminazione avvenuta, procedere lavando il capo in lavatrice.
  • Se il capo da smacchiare è particolarmente delicato, come la seta ad esempio, evita di strofinare o di lavare in lavatrice ma lascia il capo in ammollo per una notte in una bacinella riempita con acqua calda e 2 tazze di aceto di mele. Il giorno dopo sciacqua in acqua fredda e vedrai che la macchia sarà scomparsa. Nell’ immediato, se ti trovi fuori casa, magari in un ristorante, meglio farsi dare dell’acqua gasata e strofina. Se ne dovessi avere la disponibilità asciuga successivamente con un phon per i capelli.
  • Se parlassimo di pelliccia, cuoio, velluto o pelle, anche in questo caso si può riparare al danno con dell'acqua minerale. Per il velluto procedi tamponando delicatamente per rimuovere la macchia di caffè. Prendi un panno bagnato ed appoggialo sul rovescio del tessuto, quindi stiralo. Per vestiti in pelle o in cuoio, strofina leggermente con l'acqua minerale, poi asciuga con una pezza pulita e lucida con un prodotto neutro, privo di colorazione. Per i capi in pelliccia, intervieni con acqua minerale ed asciuga con uno straccetto preferibilmente di lino.
  • Per quanto riguarda i capi in lana, è possibile utilizzare l'acqua minerale quando la macchia di caffè è fresca e quando non è già penetrata nelle fibre del tessuto. In caso contrario, utilizzate della glicerina in modo da favorire lo scolorimento della macchia. Procedi con una soluzione composta d'acqua tiepida e qualche goccia di ammoniaca. Quest'ultimo procedimento è perfetto per i tappeti. In questo caso, prendete un panno umido, sfregalo su una saponetta asciutta e strofina la tappezzeria in modo delicato e leggero. In questo modo le macchie dovrebbero scomparire. Sciacqua sempre abbondantemente per evitare la formazione di aloni.pulire le macchie di caffè impresa i pulizie carra milano

Miscela per pulire le macchie di caffè dal materasso

Prepara una miscela da versare in un contenitore spray. Mescola 4 bicchieri di acqua bollente, 2 cucchiai di sapone di Marsiglia grattugiato, 2 cucchiai di bicarbonato, 1 bicchiere di aceto bianco. Mescola il tutto e mettetilo nel contenitore spray. Prendi un batuffolo di ovatta ed inumidiscilo con la glicerina. Passalo sulla macchia. Lascia agire per 15 minuti, poi spruzza sulla macchia un po’ di soluzione spray che hai preparato e strofina aiutandoti con uno straccetto umido.

Se questo articolo ti è stato utile condividi con noi le tue idee, suggerimenti ed esperienze e continua a seguire il nostro blog, nuovi consigli verranno presto pubblicati. Nell'attesa trovi alcuni consigli su come pulire le macchie di olio.

Alessandro Carra

Impresa di pulizie Carra

Come togliere le macchie di olio

Come eliminare le macchie di olio dai tessuti

Sono Alessandro Carra, titolare dell’Impresa di pulizie Carra di Milano. La mia azienda di pulizie, aperta da quasi 50 anni, offre servizi professionali di pulizie a privati ed aziende. I nostri servizi si distinguono per la nostra elevata qualità e ad esempio riguardano servizi di pulizie condomini, appartamenti, uffici, vetrate, e servizi collaterali come rotazione sacchi, sostituzione portierato, sgomberi solai o soffitte o addirittura imbiancatura.
Continuano i nostri consigli su come togliere le macchie d’olio tessuti. Un’altra macchia ostica sono proprio le macchie d’olio. Ecco 3 metodi su come pulire le macchie di olio.

Primo metodo per togliere le macchie di olio

Per pulire una macchia di olio extravergine di oliva da tutti i tessuti (lana, seta, cotone, lino colorato e tessuti sintetici) basta mettere subito del borotalco. Potrebbe andare bene anche della farina, o  lievito  in polvere. Aspettare almeno un’ora poi spolverare la parte trattata ed eseguire una ricca lavatura passando prima del sapone di Marsiglia a secco sulla parte e poi acqua ben calda (alcuni stirano il capo con il borotalco per aumentare l’assorbimento dell’olio).

Secondo metodo per pulire le macchie di olio

Un secondo metodo per pulire le macchie di olio, molto apprezzato ed efficace,  prevede il sapone per i piatti. Versa una goccia di sapone per i piatti e poi strofina la macchia a secco. Se si tratta di una macchia vecchia è meglio inumidire con dell’acqua calda. Dopo il pre-trattamento lava secondo le tue consuetudini, meglio se in acqua calda aggiungendo un po’ di aceto.eliminare macchie d'olio impresa di pulizie carra milano

Terzo metodo

Un altro metodo che funziona per eliminare le macchie di olio dai vestiti è quello di cospargere la macchia con il sale e lascia agire per qualche ora. Elimina il sale con un cucchiaino in modo che non cada su altre parti di tessuto poi versa sulla macchia una goccia di detersivo per i piatti e strofina con movimenti circolari con uno spazzolino. Sciacqua la macchia e procedi al normale lavaggio in lavatrice.

Se questo articolo ti è stato utile condividi con noi le tue idee, suggerimenti ed esperienze e continua a seguire il nostro blog, nuovi consigli verranno presto pubblicati.

Alessandro Carra

Impresa di pulizie Carra