Categories
Consigli per la pulizia della casa

Come pulire il marmo

Il marmo è uno dei materiali più impiegati per realizzare eleganti pavimentazioni nelle nostre case o per rivestire i ripiani di mobili. Ma come pulire il marmo con efficacia? Siamo qui per fornirti i migliori consigli per eliminare macchie e aloni da quello che rimane uno dei materiali più porosi che esistono.

Cosa serve per pulire il marmo?

Il primo passo è quello di munirti di una serie si prodotti, materiali e strumenti che sono molto utili per trattare con efficacia il marmo del tuo pavimento, delle mensole o dei mobili di casa.

Ecco un elenco da tenere molto bene in considerazione.

  • Prodotti: acqua distillata, acqua, polvere di pomice, acido ossalico, fecola di patate, trementina, sapone neutro.
  • Strumenti: stracci puliti, spazzole morbide, spugne, panno di lana, spatole.

Procedimenti

Ma veniamo al dunque e analizziamo meglio i procedimenti per pulire il marmo: ti descriviamo ora le operazioni da effettuare in base alla tipologia di macchie presenti.

1. Nel caso di macchie generiche

Per pulire le macchie che segnano la superficie del marmo consigliamo di tentare la pulizia impiegando prodotti la cui aggressività cresce con l’aumento della persistenza delle tracce stesse. Consigliamo di iniziare con acqua in cui diluiremo del sapone neutro.

Altro tentativo, infine, prevede l’uso di acqua distillata.
In tutti i casi consigliamo di strofinare il marmo con una spazzola morbida imbevuta delle miscele su descritte e sciacquare il piano con abbondante acqua prima di asciugarlo.

2. Zone opache e incrostazioni

Possono essere rimosse utilizzando una leggera spatolina che deve essere strofinata delicatamente sulla superficie.

Altra soluzione è quella che prevede l’uso della polvere di pomice: grazie ad un panno inumidito la polvere va strofinata sulle zone incrostate e opacizzate poiché la sua azione abrasiva permette la rimozione delle impurità. La zona trattata, quindi, deve essere sciacquata tramite acqua distillata e asciugata con un panno.

3. Macchie persistenti

Per le macchie più resistenti ti consigliamo di utilizzare la fecola di patate facilmente acquistabile in molti grandi magazzini. E’ particolarmente adatta con le macchie di unto che riescono ad intridere a fondo il marmo. La fecola deve essere applicata sulla macchia e lasciata agire anche per diverse ore affinché possa “risucchiare” l’unto. Un’alternativa per renderla ancora più efficace è quella di mescolarla alla trementina. L’impasto deve essere coperto con carta stagnola che evita essiccazione preservandone la giusta umidità. Terminare l’operazione sempre con un accurato lavaggio.

4. Polvere di pomice e acido ossalico

Le ferramenta o i grandi negozi specializzati in bricolage e fai da te, di solito, vendono queste sostanze.Ti consigliamo di impiegare la polvere di pomice per grattare via dalla superficie incrostazioni e macchie porose servendovi anche di un panno umido per l’applicazione e di spugne morbide per il risciacquo.
L’acido ossalico, anch’esso sotto forma di polvere, offre una maggiore resa rispetto alla pomice, ma deve essere utilizzato con cura per evitare di graffiare troppo a fondo il marmo. L’acido ossalico deve essere diluito con dell’acqua (una parte di acido e tre di acqua) e versato sulle macchie affinché possa catturare le macchie. Dopo aver fatto agire per qualche minuto bisogna sciacquare con acqua e riprovare finché non raggiungiamo il risultato desiderato.

come-pulire-marmo-consigli-impresa-pulizie-carra-milano

Consigli per pulire il marmo

Per effettuare qualsiasi operazione descritta sopra consigliamo di indossare dei guanti e mascherina per evitare il contatto con liquidi e sostante che potrebbero irritare la nostra pelle e le vie respiratorie.
Inoltre, soprattutto dopo aver grattato via macchie e incrostazioni, per donare la dovuta lucidità al marmo è indicato stendere sulle superfici trattate della cera in pasta che potrete acquistare in ferramenta o nei magazzini specializzati: stendere il prodotto sarà facile attraverso l’impiego di batuffoli di cotone, mentre con un panno di lana potrete lucidare definitivamente la superficie.

Se il nostro articolo ti è stato utile continuate a seguire il nostro blog.

Continuate a seguire il nostro blog, nuovi consigli verranno presto pubblicati. Eccone subito uno: Sanificazioni all’ozono, vantaggi e controindicazioni. 

Alessandro Carra

Impresa di pulizie Carra

Iscriviti subito alla nostra newsletter